Cos’è l’archiviazione documentale/sostitutiva

Negli ultimi decenni l’impianto tributario italiano  si è mosso verso una  progressiva agevolazione delle modalità di adempimento degli obblighi prescritti dalla vigente normativa, in particolare, in modo da consentire  l’archiviazione e conservazione informatizzata dei documenti e l’emissione di veri e propri documenti elettronici.
Da primi deboli tentativi avuti negli anni 90, una spinta effettiva si è avuta nel 2004.

Secondo il D.M. 23 gennaio 2004, la conservazione digitale dei documenti  analogici si realizza mediante la memorizzazione dell’immagine su idonei supporti.  Altra attenzione sulla “fattura elettronica”: si realizza mediante l’apposizione del riferimento temporale, della firma digitale dell’emittente, che consentono di perfezionare la formazione del documento, e la successiva trasmissione della fattura stessa per via elettronica, previo accordo tra le parti,o mediante particolari sistemi definiti Edi (Electronic data interchange). L’unica modalità di conservazione ammessa è quella in forma elettronica.

L’archiviazione sostitutiva

L’archiviazione sostitutiva nasce dalla necessità di diminuire i costi di gestione degli archivi cartacei.
I costi  sono dovuti a:
• Costi di emissione dei documenti
• Costi di conservazione/archiviazione
• Costi di ricerca
Il costo per una fattura cartacea è di circa 27 euro (10 euro per il ciclo attivo, e 17 euro per il ciclo passivo, la fattura ricevuta dal cliente); la gestione elettronica  permette un risparmio del 40%-60%.

Gli strumenti

Pur essendo consentito delegare in tutto o in parte  a soggetti terzi, è possibile (spesso auspicabile) che l’integrazione dell’archiviazione con il sistema di gestione documentale avvenga all’interno dell’azienda: contratti, ordini, polizze, fatture, bolle, estratti conto vengono quindi mantenuti a norma di legge all’interno dell’azienda.

Il workflow documentale

Non basta salvare in modo appropriato il documento: un documento viene utilizzato per prendere decisioni e inizia a viaggiare logicamente, spesso non fisicamente, nell’azienda.  Ecco i Workflow.
Si parla quindi di workflow definendolo come un modello “a tre R”: “routes” (processi: la sequenza di passi), “rules” (azioni: ciò che va fatto) e “roles” (persone: chi lo deve fare).

Il Knowledge Management e le Dinamiche dominanti

Il Knowledge management può sconfiggere i Gollum

Globalcomm rende più competitive le aziende valorizzando le Persone e la digitalizzazione

"...si dai, alla fine siamo tutti un po' dinosauri"

Scopri come integrare le comunicazioni nei processi collaborativi e digitali

Ecco la strada per costruire un futuro SMART/4.0 per la tua azienda

Valorizza le idee dei tuoi collaboratori con Miro, la whiteboard

Velocizza il gioco della tua azienda combinando Evernote, Slack e Lean BPM MarkUp

Gioco di squadra nella tua azienda con +Bit Atomi con il Metodo Mark Up

"Osate Cambiare, cercate nuove strade"


Scopri le pillole per diventare un esperto di transizione digitale

Innovazione quotidiana

Nell’era digitale, solo le gazzelle smart sopravvivono! Come le gazzelle, le aziende devono essere agili e puntare al miglioramento continuo per rimanere competitive. Kaizen, la

Approfondisci »

Si, viaggiare

Ricordi la canzone di Battisti? “Si viaggiare, evitando le buche più dure, senza per questo cadere nelle tue paure.” Una canzone che si adatta perfettamente

Approfondisci »

leanbpm-mark-up/

Da aziende Dinosauro ad Aziende Gazzella Smart Mark Up il Metodoper Lavorare Senza Carta La digitalizzazione trasforma l’ “azienda dinosauro” in “Azienda Gazzella SMART” ossia

Approfondisci »

FAQ . Tutte le risposte per guidare la trasformazione digitale

Previous
Next