Il termine digital disruption indica il momento in cui una nuova tecnologia origina il cambiamento di una determinata attività e modifica completamente il modello di business precedente.

 Si tratta del cambiamento che avviene nel momento in cui le nuove tecnologie digitali e i modelli di business sviluppati con esse, influenzano il valore aggiunto, la value proposition di prodotti o servizi esistenti.

La rivoluzione digitale sta cambiando tutto, in tanti settori, in maniera radicale, ad una velocità impressionante. Aziende che fino a pochi anni fa vantavano solide leadership di mercato, sono state travolte da nuovi entranti, capaci di attivare innovativi modelli digitali, “distruttivi” dell’esistente.
Gli esempi sono tanti.
Uno? Blockbuster, leader globale nel settore dell’entertainment, che a metà anni novanta vantava migliaia di negozi “fisici”, è stata in pochissimi anni spazzata via dal mercato, non avendo compreso il profondo cambio di paradigma in corso, che rendeva il “noleggio fisico” rapidamente obsoleto a fronte della più efficiente “fruizione in streaming”.
Cosa che, invece, ha perfettamente capito Netflix, nata nel 1999, nel momento di massimo splendore di Blockbuster, e che oggi vanta nel mondo oltre decine di milioni di abbonati ai suoi servizi in streaming.
La “digital disruption” letteralmente “distrugge” i “vecchi” modelli di business e al tempo stesso premia i nuovi “entranti digitali”, permettendo la creazione di enorme valore in un battito d’ali.
Altri esempi : Amazon, Uber Pop, AirBnb… che hanno cambiato radicalmente i settori di riferimento.

 Le macchine che si guidano da sole

 I robot …
 
e tantissimo altro
Siamo dentro la rivoluzione / sconvolgimento digitale. Una rivoluzione semplifica i processi, metodi, flussi lavorativi, utilizzati fino ad oggi.

Semplificando la vita degli utenti, delle persone.

 La Rivoluzione Digitale sta, oggi, cambiando completamente lo status quo delle aziende. C’è un solo modo per ‘vivere’ e non ‘subire’ il cambiamento. 
Le nostre pmi non possono più aggrapparsi all’  ‘abbiamo sempre fatto così’ perché il rischio è di  cadere, chiudere è lì presente.

La rivoluzione digitale ci obbliga a superare le paure del cambiamento.

Delle persone e delle aziende

L’imprenditore – oggi – deve tracciare, mappare cosa fino ad ora è successo alla / nella propria azienda e analizzare, studiare ‘cosa vuole fare da grande’. 

Bisogna aprire la mente e spalancare gli occhi! Mettersi a disposizione.

Per aiutarsi a fare uscire le menti più aperte ad affrontare la rivoluzione digitale la social collaboration rappresenta uno straordinario connubio tra tecnologia e collaborazione. Se vuoi saperne di più vai —> QUI