Si va al contrario! Lo certifica l’ISTAT: Le imprese italiane si “dimenticano” di innovare

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Nel triennio 2012-2014 diminuisce di oltre il 7% la propensione innovativa delle aziende. Ma l’e-commerce comincia a marciare: vale il 9% del fatturato complessivo. Banda larga per il 94% degli imprenditori.

Per gli approfondimenti vedi l’Annuario 2016 dalla pagina 668 e seguenti

Gli innovatori di successo, cioè le imprese che hanno portato a termine le loro attività innovative con l’introduzione di almeno un’innovazione di prodotto o di processo sul mercato o al proprio interno, sono il 28,5 per cento delle imprese che hanno svolto attività di innovazione.
Le imprese italiane hanno dimenticato l’innovazione.

Rispetto al triennio precedente (2010-2012) diminuisce sensibilmente (-7,3 punti percentuali) la propensione innovativa delle imprese.

More to explorer

FAQ . Tutte le risposte per cogliere la trasformazione digitale

Previous
Next

Approfondisci per diventare un esperto di transizione digitale

Mi iscrivo alla newsletter!

Complimenti!

...se stai leggendo "Si va al contrario! Lo certifica l’ISTAT: Le imprese italiane si “dimenticano” di innovare" allora sei pronto per il livello successivo.

Clicca sul video per scoprire tutto sul percorso

"Costruiamo il futuro 4.0. Tutti protagonisti"