Dalla teoria alla praticaRiNascimento 4.0 - La persona al centro della Rivoluzione DigitaleStrumenti per innovare

Design Thinking per innovare la soddisfazione del cliente

Il Design Thinking pone il cliente al centro del processo innovativo e attorno alle sue esigenze si individuano idee o proposte che potranno essere analizzate e realizzate grazie alla visione creativa e fuori dagli schemi.

In altre parole è un metodo user-centrico, che si focalizza sul cliente per generare il valore e trasferirlo al prodotto/ soluzione.

Tutto il lavoro è fatto a livello di team: si individua un gruppo interfunzionale che comprende tutte le persone coinvolte nel processo di creazione del valore, indipendentemente dal fatto che si tratti di manager o di operai, di clienti, fornitori o consulenti.

Ciascuno è chiamato a contribuire con le proprie idee e i propri suggerimenti, cercando di trovare intuizioni creative e fuori dagli schemi e nessuna idea viene scartata a priori.

Il Design Thinking  prevede ampio uso di tecniche di brainstorming, schizzi, mappe concettuali e post-it per migliorare la visualizzazione delle idee, stimolare la creatività e l’allineamento del singolo all’obiettivo del team.

Uno strumento digitale che prediligo per il design Thinking è Miro

Il Design Thinking si presta benissimo a cogliere le sfide della competitività aziendale attraverso la digitalizzazione.

Come?

Semplice!

Pone al centro l’utente e i suoi bisogni e si guida alla soluzione / prodotto mettendosi nei  suoi panni . 

Ecco alcuni tra i principali vantaggi del Design Thinking:

  • Migliora la capacità decisionale e la qualità delle decisioni prese
  • Favorisce l’innovazione pervasiva
  • Riduce i costi e ottimizza i processi aziendali
  • Favorisce la creazione di un ambiente organizzativo positivo e proattivo

Le fasi del processo creativo

Scopo del DT è identificare soluzioni innovative a uno specifico problema, anche complesso. Tutte le proposte che si generano con l’applicazione della metodologia devono soddisfare tre criteri fondamentali:

1.      Desiderabilità da parte del mercato o degli attori interni all’azienda

2.      Fattibilità tecnologica, tecnica e organizzativa

3.      Redditività economica

Ecco le fasi che tipicamente utilizzo :

  • Empathize: in questa fase si cerca di mettersi “in sintonia” con il cliente, con il suo modo di pensare, con le sue esigenze. Fondamentali, durante questa fase, sono gli esercizi di immedesimazione e i giochi di ruolo.
  • Define: si tratta del vero e proprio brief, verbale o scritto, contenente l’indicazione dell’obiettivo da raggiungere.
  • Research: è la ricerca delle informazioni di background da includere nel processo creativo
  • Ideate: è la fase in cui vengono identificati i bisogni e le motivazioni degli end user e si generano le idee, spesso attraverso il brainstorming.
  • Prototype: in questa fase si verifica la reale funzionalità dell’idea, che viene presentata al vaglio dei gruppi di stakeholder prima di essere portata al cliente.
  • Test: Per verificare la solidità e stabilità della soluzione implementata.

Buon RiNascimento Smart

Orazio Mondin

Comment here